10 COSE DA SAPERE DA UN CELIACO

  • AUTHOR: // CATEGORY: Cinema, Disinformazione, Grazie A Dicke, Internet, Social

    No Comments

    L’augurio di Surya per il 2014

    Non è molto vecchia la storia della “stronza celiaca di merda” (così autodefinitasi) che mandava “a fanculo” la sperimentazione animale dal momento che lei, essendo celiaca, “non rompe il cazzo a nessuno” con la sua malattia “genetica, rara, debilitante”.

    Non starò qui a fare dibattito pro o contro la sperimentazione animale (il caso di Surya – sì, insomma… la stronza celiaca di merda – è trattata a lungo in questo articolo). A me al momento preme far notare la parte in cui la celiachia viene definita malattia “genetica, rara, debilitante”.

    E quindi  voglio dire due cose, anzi tre.
    Dopodiché vi voglio proporre una soluzione a cui mi farebbe piacere che partecipaste.

    1. È già dal 2012 che la Celiachia non è più considerata malattia rara, ma malattia sociale, visto che i PriviDiGlutine sono in crescente aumento.

    2. Siamo sicuri che sia corretto definirla malattia genetica? O vogliamo solo dire che è trasmissibile geneticamente e che quindi può essere ereditaria?
    Non ho le competenze per rispondere, quindi cito dall’articolo che vi ho linkato:

    Si definisce malattia genetica una malattia per cui esiste una mutazione genetica tale che la mutazione comporta necessariamente la malattia (ad esempio come la Fibrosi Cistica), per la celiachia ci sono delle mutazioni che “predispongono” o “aumentano il rischio”, questo giustifica la famigliarità ma, tecnicamente, non è corretto definirla malattia genetica.

    anzi3. Con quella foto Surya voleva dirci “Lo vedete? Io sono malata grave, ho una malattia rara (abbiamo visto che non è vero) e genetica (vale la parentesi di prima) e debilitante (non mi spreco nemmeno a smentire questo aggettivo) e nonostante questo per la celiachia non si sperimenta sugli animali.”
    Ecco… domando ancora: siamo sicuri?
    Cito ancora dallo stesso articolo:

    si stanno cercando delle soluzioni che consentano anche a noi celiaci di poter fare delle eccezioni ogni tanto, non è facile sai perché ? Perché non è facile mettere a punto modelli animali su cui studiare la celiachia.

    Qui propongo una piccola (ma veramente piccola) soluzione. O meglio: questo è quello che posso fare io, personalmente, per provare a ridurre la confusione sull’argomento Celiachia.

    In un periodo in cui vanno di moda le liste (l’ultima che gira su facebook è quella dei 10 libri che hanno cambiato la tua vita, lista che dovrebbe permettere la diffusione della cultura) proverò a fare un video con una lista che dovrebbe permettere la diffusione dell’informazione sul tema Celiachia.

    Saranno 10 cose da sapere su un celiaco, partendo da cos’è la celiachia e arrivando ad argomenti come la contaminazione. Cose che molti di voi, celiaci o genitori di celiaci, sapranno già. Ma è ovviamente un video rivolto soprattutto ai nuovi diagnosticati; o a chi ha a che fare da poco con la celiachia; o ai celiaci maschi che (spesso) (e vale anche per il sottoscritto) sono quelli che meno hanno voglia di informarsi.
    Perché, come mi ha detto un amico celiaco: la celiachia non è una malattia da maschi.

    PS: Se avete delle cose da suggerire, delle informazioni essenziali che assolutamente bisogna far sapere sulla celiachia, fate pure la vostra lista qui sotto.