MARZO 2014

  • QUELLO CHE LE DONNE DEI CELIACI NON DICONO

    Categorie: autobiografia tragica, Nutrirsi

    0 commenti

    Due post fa, parlando della mia ragazza, scrivevo “Ogni volta che le propongo di andare a cena fuori, lei mi chiede Perché? Cosa ho fatto?”.
    Era una battuta riferita all’enorme pazienza che ha Ilaria nell’accompagnarmi in pizzerie senza glutine che spesso, quando va bene, somigliano a mense da ospedali. Una lettrice mi scrive riguardo a quella frase, chiedendomi se è veramente così un sacrificio far stare bene il proprio partner. A parte che “costringersi a mangiare sempre in pizzerie per celiaci” se non è un sacrificio è comunque un atto parecchio generoso. Ma poi, non è tanto il locale in cui si va… spesso il problema, quando si mangia fuori, è il sottoscritto. Vi spiego.

    (altro…)

  • CELIACHIA, DA OGGI

    Categorie: Grazie A Dicke

    2 commenti

    Nuovo articolo per Celiachia Oggi“Sono un celiaco asintomatico; è proprio necessario che io sia rigoroso con la dieta?”

    Ve l’avevo accennato, e finalmente inizia la collaborazione fra il bimestrale Celiachia Oggi e il modesto blog GrazieADicke.it. Correte in edicola (potete andare pure piano, però) e troverete il primo pezzo che ho scritto per questa rivista.
    Oltre alla bella rubrica del sottoscritto, ci sono parecchie cose interessanti come i vari sintomi per capire se si soffre di celiachia, l’intervista alla volontaria Aic Sara Quartarella e le risposte alle domande più frequenti su questa malattia (tipo quella che vedete a inizio articolo, che mi facevo sempre pure io fino a qualche tempo fa).
    (ah, per la cronaca, la risposta è sì).
    La tipa in copertina a ‘sto giro mangia un gelato alle fragole.

  • GGF – LA PIZZA CELIACA A MILANO #2

    Categorie: Guida Gluten Free, Nutrirsi

    0 commenti

    Continuo a sentir dire, chiacchierando con i babbani non celiaci, che ormai la pizza senza glutine si trova dappertutto.
    Non per essere ripetitivo, ragazzi, ma no.

    Parlo almeno per Milano: che ci siano ormai una decina di pizzerie all’interno dei bastioni può anche darsi, ma parliamoci chiaro: dieci pizzerie – fossero anche venti – non sono niente, soprattutto se pochissime fra loro rispettano la vecchia aspettativa di un decente rapporto qualità-prezzo. E dunque io continuo le mie peregrinazioni fra le pizzerie dove fanno la celiaca, dopo un paio di escursioni già pubblicate. Oggi scrivo di tre pizzerie milanesi in cui ho mangiato negli ultimi mesi: Il grissinoda Akim, e La baia blu.

    (altro…)