AGOSTO 2015

  • GGF: NAPOLI, PANINI PORCHI E PIZZE STORICHE

    Categorie: Guida Gluten Free, Nutrirsi

    0 commenti

    Nelle case campane si mangia da Dio, ma anche fuori casa in questa regione non si scherza mica.
    E così, con la scusa di rivedere vecchi e nuovi amici, ne ho approfittato per sperimentare nuovi locali senza glutine napoletani.
    Mi sento di consigliarne due: (altro…)

  • CRONACHE S.G. – NAPOLI

    Categorie: autobiografia tragica

    0 commenti

    È bello anche solo poterlo dire: “torno a casa”.  È il privilegio di vivere altrove e di avere un posto in cui tornare.
    E così, come ogni estate, Jovanotti sforna l’ultima hit da spiaggia, i tg parlano di “Mammamìa quanto fa caldo!”, e io me ne torno a Napoli. A casa mia.

    Il mio appuntamento estivo comporta prima di tutto l’usuale processione di parenti da salutare, che mi accolgono con la verace schiettezza Napoletana (mi hanno detto, nel giro di cinque minuti, sia che sono ingrassato sia che sono dimagrito. E non pensiate che quest’ultimo sia considerato un complimento).

    Ma a onor del vero, prima di salutare loro c’è una cosa che non mi può togliere nessuno: una delle gioie più grandi concesse a noi “Privi di Glutine”. Considerate che il mio treno arriva sempre strategicamente a Napoli per le tre di pomeriggio, così che mia madre si ritrova a pensare che suo figlio, sono le tre di pomeriggio, e ancora non ha mangiato! Una piccola vigliaccata, lo so.
    Arrivo trovando quindi il piatto pronto a tavola, e il piatto pronto a tavola per un nostro tacito accordo mai esplicitato a voce comprende – sempre! – la mozzarella! Spesso anche più di una.
    Morbida, bianca, che appena l’accarezzi con la forchetta sbrodola tutta l’acqua che contiene… altro che la triste gocciolina che si vede in una famosa pubblicità.

    C’è poco da stare a girarci intorno: una delle cose per cui è bello tornare a casa, è il cibo. Quest’anno poi mia madre ha potuto dare mostra delle sue abilità culinarie, perché a casa non ci sono tornato da solo, ma ci ho portato pure Ilaria.
    (altro…)