DISINFORMAZIONE

  • 10 COSE DA SAPERE DA UN CELIACO

    Categorie: Cinema, Disinformazione, Grazie A Dicke, Internet, Social

    0 commenti

    L’augurio di Surya per il 2014

    Non è molto vecchia la storia della “stronza celiaca di merda” (così autodefinitasi) che mandava “a fanculo” la sperimentazione animale dal momento che lei, essendo celiaca, “non rompe il cazzo a nessuno” con la sua malattia “genetica, rara, debilitante”.

    Non starò qui a fare dibattito pro o contro la sperimentazione animale (il caso di Surya – sì, insomma… la stronza celiaca di merda – è trattata a lungo in questo articolo). A me al momento preme far notare la parte in cui la celiachia viene definita malattia “genetica, rara, debilitante”.

    (altro…)

  • MA ‘STA BARILLA, L’HANNO VENDUTA O NO?

    Categorie: Blogosfera, Disinformazione, Internet, Social

    0 commenti

    Continua a girare imperterrita la notizia secondo la quale la Barilla sarebbe stata venduta agli Americani. Non solo: la colpa imputata all’azienda è anche quella di utilizzare, ora che è nelle mani ciniche degli yankyes, grano “ammuffito”.

    BARILLA non è più italiana ma americana e usa grano con tassi di micotossine altissimo (ammuffito), derivante da lunghi stoccaggi al prezzo più basso possibile. L’UE nel 2006 ha alzato con un colpo di mano i livelli accettati di micotossine presenti nel grano duro, di modo che tanti paesi potranno produrre grano duro in dei clima non adatti badando solo alla quantità, distruggendo i contadini del sud Italia il cui grano non contiene micotossine e portando al fallimento le industrie sementiere mediterranee.

    E se il grano è ammuffito, non è che la Barilla fa ammuffire pure i cereali che usa per la pasta celiaca?
    La firmataria dell’articolo, Dott.ssa Giuliana Icardi, è agguerrita e suggerisce anche la soluzione: banalmente, boicottiamola. Lei e tutte le aziende appartenenti allo stesso gruppo:

    Barilla è presente anche con i seguenti marchi: Motta, Essere, Gran Pavesi, le Tre Marie, le Spighe, Mulino Bianco, Pavesini, Voiello, Panem.

    Bene. Tutto molto interessante. Se non fosse che la notizia è una grande bufala.

    (altro…)

  • TU QUANTO SEI CELIACO?

    Categorie: Disinformazione, Nutrirsi

    0 commenti

    Qualcuno me la spieghi… Stavo cercando un posto a Monza dove poter pranzare, ed ho trovato un ristorante che effettua “pizze per celiaci allergici alle graminacee”. Insomma, la pizzeria perfetta per me e la mia ragazza asmatica se fossimo la stessa persona.
    Pizze per celiaci allergici alle graminacee… deve esserci qualcosa che non so.
    O che non sa il gestore del ristorante.
    Capirete se vi dico che ho preferito cercare altrove.

    Ma il peggio è stato forse quando stavo lavorando per un video a Rozzano e cercavo una pizza a domicilio per poter mangiare al volo e continuare a lavorare. Il responsabile della pizzeria mi rispose Sì, abbiamo pizze senza glutine, ma devo avvertirti: le impastiamo sulla farina… Tu quanto sei celiaco?
    Non commento questa domanda, ché mi pare anche superfluo.

    Però ci tengo a ripeterlo, dato che non lo si fa mai a sufficienza: non si può essere più o meno celiaci.
    Il glutine fa malissimo a tutti i PriviDiGlutine, sia quelli sintomatici che si sentono male appena assaggiano un po’ di farina, sia quelli asintomatici a cui una fetta di pizza apparentemente non causa danni.