GUIDA GLUTEN FREE

  • CARTOLINE DALLA LIGURIA #2

    Categorie: Fuoricasa, Guida Gluten Free, Nutrirsi

    0 commenti

    Qualche tempo fa vi scrivevo di Finale Ligure, preso in  prestito come metafora del grazioso paese turistico che non riesce a soddisfare le esigenze di tutti i turisti.
    Apertamente Vegan Friendly, pareva invece che i celiaci gli stessero sul culo.
    Proprio in Liguria, poi; a un’oretta di distanza dalla sede principale dell’Associazione Italiana Celiachia.
    Ebbene ci sono tornato. E la situazione è un po’ cambiata.
    Cambiata di tanto? Non proprio.
    Ma cambiata in meglio? Me lo direte voi.
    Cambiata in che modo, allora?
    E quante domande, oh? Chi siete, Marco Travaglio?
    Leggete!

    FinalBorgo

    (altro…)

  • COSA NON È LA CELIACHIA.

    Categorie: Guida Gluten Free, Politica

    0 commenti

    Schermata 2016-02-01 alle 16.02.20Da anni si sente parlare di gradi di celiachia.
    Quando chiedo al pizzaiolo se la pizza è senza glutine, mi sento spesso rispondere “dipende dal grado di celiachia che hai”.
    Ecco… ci tengo a ripeterlo: non esistono i gradi di celiachia.
    Esistono celiaci sintomatici  e celiaci asintomatici. Un argomento che è stato già trattato nel video animato FAQ Celiachia.

    A causare ulteriore confusione ci sono malattie affini alla Celiachia, come la Gluten Sensitivity (la sensibilità al glutine).
    Nella relazione sulla Celiachia appena pubblicata dal Parlamento si parla anche di questo, provando a fare chiarezza su cosa NON è la Celiachia.
    Vi riporto qualche informazione:

    (altro…)

  • LE NOSTRE ESIGENZE, L’IMPEGNO DI CONAD

    Categorie: Guida Gluten Free, Nutrirsi

    0 commenti

    Penne RigateIn questi giorni mi è arrivata una telefonata.
    Una voce gentile mi ha spiegato che la Conad sta lanciando una linea prettamente senza glutine, e mi ha chiesto se fossi stato disponibile ad assaggiare prodotti che avrei ricevuto via posta.
    Io chiaramente ho detto di sì, poi ho riagganciato e mi sono sentito orgoglioso: per questo test di assaggio hanno pensato proprio a me!
    Dopo poco la voce gentile di Conad mi ha richiamato dicendomi
    “Sì, Angelo… l’indirizzo?”
    Mi scuso. Non sono abituato a queste cose.

    (altro…)

  • GGF: NAPOLI, PANINI PORCHI E PIZZE STORICHE

    Categorie: Guida Gluten Free, Nutrirsi

    0 commenti

    Nelle case campane si mangia da Dio, ma anche fuori casa in questa regione non si scherza mica.
    E così, con la scusa di rivedere vecchi e nuovi amici, ne ho approfittato per sperimentare nuovi locali senza glutine napoletani.
    Mi sento di consigliarne due: (altro…)

  • LA RIVOLUZIONE DELLA NUOVA CELIACHIA: I BUONI NEI SUPERMERCATI

    Categorie: Guida Gluten Free, Nutrirsi

    0 commenti

    Ossia: Mamma, che ne dici di un celiaco all’Esselunga? #3

    Una ridente foto di Milano d'agosto

    Una ridente foto di Milano d’agosto

    È passato un anno da quando scrissi della petizione indetta da Marina Pellizzari: chiedeva sulla piattaforma Change.org di fare in modo che nei supermercati si potessero utilizzare i ticket che abbiamo a disposizione per l’erogazione dei prodotti senza glutine.

    È passato un anno e da allora sono successe tante cose – fra le altre, ho imparato a fare facilmente la È sulla tastiera del Mac e la sto usando ovunque, come all’inizio di quest’articolo.
    Sono successe tante cose, dicevo, ma della Pellizzari non sono riuscito ad avere più notizie. Ho provato anche a contattarla procurandomi la mail, ma niente oh!, nessuna risposta.
    Lei era scomparsa, ma intanto la petizione continuava a far parlare di sé: ormai è stata chiusa ma ha raggiunto quasi 60.000 sostenitori. No, dico: sessantamìla! Mica roba da poco? E lei? La Pellizzari? Come l’ha presa?
    Stavo già per rivolgermi a Sveva Sagramola per farle tutte queste domande, ma mi sono fermato a tempo (per me la conduttrice di Geo&Geo è sempre stata è il simbolo della zia sapiente a cui chiedere le cose, che se abitasse accanto a me starei sempre da lei a chiedergli fatti del tipo Perché non mi si accende il gas? o Perché mi si fanno sempre le macchie sul bucato?) (Simile a lei, ma meno accomodante, era la zia Sciarelli di Chi l’ha visto?)
    Stavo per rivolgermi alla Sagramola, dicevo, ma è successo il fatto.

    (altro…)

  • CARTOLINE DALLA LIGURIA

    Categorie: Fuoricasa, Guida Gluten Free, Nutrirsi

    0 commenti

    FinalBorgoSono stato a Finale Ligure, cittadina balneare della riviera di Ponente di cui ho faticato poco ad innamorarmi, fra il relax delle spiagge di Final Marina e le passeggiate serali a FinalBorgo (eletto fra i borghi più belli d’Italia).
    Pur avendo un’entrata turistica elevata, però, Finale resta parecchio indietro in quanto a offerta senza glutine; bandiera blu per il mare e le spiagge, bandiera nera in termini di celiachia.

    Se a Finale ti occupi di alimenti e non hai il certificato di qualità di TripAdvisor sei uno sfigato: quest’attestato era affisso praticamente sulla porta di ogni ristorante, pizzeria, bottega alimentare… Ma a parte qualche farmacia rifornita e uno o due botteghe col minimo indispensabile per sopravvivere (pasta, qualche biscotto), il vero problema estivo – quello di poter mangiare tranquillamente fuori casa e non doversi preoccupare di cucinare anche in vacanza – rimane assai alto.
    Qui faccio un elenco dei pochi locali che costituiscono un’eccezione:

    (altro…)

  • GGF – LA PIZZA CELIACA A MILANO #2

    Categorie: Guida Gluten Free, Nutrirsi

    0 commenti

    Continuo a sentir dire, chiacchierando con i babbani non celiaci, che ormai la pizza senza glutine si trova dappertutto.
    Non per essere ripetitivo, ragazzi, ma no.

    Parlo almeno per Milano: che ci siano ormai una decina di pizzerie all’interno dei bastioni può anche darsi, ma parliamoci chiaro: dieci pizzerie – fossero anche venti – non sono niente, soprattutto se pochissime fra loro rispettano la vecchia aspettativa di un decente rapporto qualità-prezzo. E dunque io continuo le mie peregrinazioni fra le pizzerie dove fanno la celiaca, dopo un paio di escursioni già pubblicate. Oggi scrivo di tre pizzerie milanesi in cui ho mangiato negli ultimi mesi: Il grissinoda Akim, e La baia blu.

    (altro…)

  • GUIDA GLUTEN FREE: UN PANDORO SOTTO L’ALBERO

    Categorie: Guida Gluten Free, Nutrirsi

    0 commenti
    Motta senza glutine

    Motta senza glutine

    Forse non ci avrete fatto caso. Vi saranno sicuramente sfuggite le lucine a festa fuori i centri commerciali. O la neve finta a sporcare i manichini e le vetrine dei negozi. O gli impetuosi spot dei giocattoli alla televisione, probabilmente avrete cambiato canale proprio quando li stavano per trasmettere e non li avrete visti. E allora ve lo dico io: sta arrivando Natale.

    Natale è questo gigantesco mostro sorridente che arriva una volta l’anno spargendo distrattamente una bava di gioia e letizia, malinconia e depressione. Per l’esattezza arriva in un giorno preciso, quello della nascita del cristo, ma il mostro è talmente grosso che il suo alito arriva mesi prima e gli umori che lascia restano nell’aria per un paio di settimane.

    Manca poco meno di un mese al suo arrivo e già l’aria è contaminata da un’illogica smania di acquisti – sempre più spesso indirizzati a se stessi più che ai propri cari. Smania che, sia chiaro, ha inghiottito anche il sottoscritto. In particolare c’è una cosa che m’è venuta voglia di comprare. E vabbè, se avete letto il titolo l’avete capito subito… il panettone!
    (nel titolo c’è scritto “pandoro” ma era per depistarvi).

    (altro…)

  • UNA BAD PERSON AL FAST FOOD GLUTEN FREE

    Categorie: Guida Gluten Free, Nutrirsi

    2 commenti

    ImageInsomma, alla fine non ho resistito. Dopo averne parlato qui e qui, ho provato il panino del McDonald’s.
    Arrivo lì e mi faccio la mia bella fila dietro tre ragazzini, dumàschi e nafémmina. Sono minuscoli, ma si punzecchiano allusivamente fra loro con un modo di fare adolescenziale – non per altro sono adolescenti – che mi irrita tanto perché sono una brutta persona e quelle robe lì non mi fanno tenerezza ma rabbia.

    Arriva il mio turno e dico Ho saputo che fate panini per celiaci. E sembra una minaccia. Non so perché lo dico con quel tono; sembra che sia un mafioso che va a fare una rappresaglia. Insomma devo essergli parso una brutta persona, perché in effetti il ragazzo mio coetaneo che sta dietro alle casse va in panico.

    Ma forse semplicemente va in panico perché non gli capita tutti i giorni di vedere un celiaco, e non ha studiato bene come si fanno i panini a queste brutte persone (m’è già successo una volta).
    E devo essere davvero una brutta persona, perché io lo so che loro sono solo dipendenti e non c’entrano niente e hanno pure probabilmente degli stipendi da fame come quello che avrò io appena finisco gli studi; ma in effetti, fra tutte le sfighe di essere celiaco, quando vedo un dipendente spaventarsi perché si trova davanti me, Il Privo Di Glutine, e non sa bene cosa fare, la cosa mi provoca un certo perverso piacere. Ma mi sembra di averlo già detto: sono una brutta persona.

    (altro…)

  • MAMEY – OVVERO MAMMA, CHE NE DICI DI UN CELIACO A COLAZIONE?

    Categorie: Guida Gluten Free, Nutrirsi

    3 commenti

    Ricordo ancora bene la mia prima colazione al bar, ma colazione seria. Quando cioè ho potuto chiedere al barista un cornetto al cioccolato, vedermelo portare al tavolo, e poterlo intingere nel mio bel cappuccino. Al primo morso di quella brioche bagnata di latte schiumato mi sono commosso, giuro. E la ricordo così bene la mia prima colazione al bar – ma colazione seria – perché è stata poche settimana fa. A ventiquattro anni.

    Ilaria mi voleva fare una sorpresa e una mattina mi sveglia di buon ora dicendomi Dobbiamo uscire. Era presto. La mando a cagare e torno a dormire. Era veramente presto. Ma lei insiste, aveva programmato di portarmi in questo posto. Dopo un paio d’ore mi convinco e salto in piedi. Usciamo.

    A Buccinasco, poco fuori Milano, hanno aperto questo negozio che si chiama Mamey. Un’idea geniale: un normale store per la celiachia con annesso… un bar. Un piccolo bar per fare una pausa prima o dopo la spesa celiaca. Non è geniale?

    Se ti stai chiedendo Mbè? E che c’è di geniale in un bar?, allora non sei celiaco. E vaffanculo, insensibile.

    (altro…)