SOCIAL

  • FAQ CELIACHIA

    Categorie: FAQ Celiachia, Social

    2 commenti


    È passato un bel po’ di tempo da quando sui Social chiedevo ai celiaci cosa, secondo loro, bisognava assolutamente conoscere della celiachia.
    Tramite i consigli di tutti loro provai a stilare una prima lista di 10 punti, che chiamai, provvisoriamente, FAQ Celiachia.

    Non volevo diffondere più notizie inesatte di quante già ce ne siano su questa materia, per cui quella lista è stata fatta girare ed è stata confrontata con tante persone: partii dall’amica Sara Quartarella e arrivai fino a Genova per parlarne all’Associazione Italiana Celiachia, e ne fu interessata.
    E così, quella lista di 10 punti, è diventata finalmente il video FAQ Celiachia (beh sì, spesso con me le cose provvisorie diventano definitive).
    Il video è stato realizzato dallo Studio Morsi di Milano, di cui faccio parte. Non solo: grazie all’AIC questo video è diventato il promo della Settimana Della Celiachia, organizzata dall’Associazione all’interno dell’ambito Expo 2015.

    E insomma c’è voluto un po’ per mettere in piedi tutto, ma ci tenevo a che si facesse un po’ di chiarezza su questa nostra malattia, convinto che l’unico metodo sicuro per sconfiggerla è informarsi.

    Qui trovate il video.
    Qui, il sito dello Studio Morsi con tutti gli altri nostri lavori.
    Qui, il sito ufficiale della Settimana Nazionale della Celiachia.

  • FILMANDO IL GLUTEN FREE EXPO

    Categorie: Eventi, Social

    0 commenti

    Per voi che non siete potuti andare al Gluten Free Expo, ho provato a raccontarvelo attraverso questo video. Purtroppo, però, ho scoperto di essere la schifezza dei videoblogger. Quindi la prossima volta andateci da soli!

  • 10 COSE DA SAPERE DA UN CELIACO

    Categorie: Cinema, Disinformazione, Grazie A Dicke, Internet, Social

    0 commenti

    L’augurio di Surya per il 2014

    Non è molto vecchia la storia della “stronza celiaca di merda” (così autodefinitasi) che mandava “a fanculo” la sperimentazione animale dal momento che lei, essendo celiaca, “non rompe il cazzo a nessuno” con la sua malattia “genetica, rara, debilitante”.

    Non starò qui a fare dibattito pro o contro la sperimentazione animale (il caso di Surya – sì, insomma… la stronza celiaca di merda – è trattata a lungo in questo articolo). A me al momento preme far notare la parte in cui la celiachia viene definita malattia “genetica, rara, debilitante”.

    (altro…)

  • MA ‘STA BARILLA, L’HANNO VENDUTA O NO?

    Categorie: Blogosfera, Disinformazione, Internet, Social

    0 commenti

    Continua a girare imperterrita la notizia secondo la quale la Barilla sarebbe stata venduta agli Americani. Non solo: la colpa imputata all’azienda è anche quella di utilizzare, ora che è nelle mani ciniche degli yankyes, grano “ammuffito”.

    BARILLA non è più italiana ma americana e usa grano con tassi di micotossine altissimo (ammuffito), derivante da lunghi stoccaggi al prezzo più basso possibile. L’UE nel 2006 ha alzato con un colpo di mano i livelli accettati di micotossine presenti nel grano duro, di modo che tanti paesi potranno produrre grano duro in dei clima non adatti badando solo alla quantità, distruggendo i contadini del sud Italia il cui grano non contiene micotossine e portando al fallimento le industrie sementiere mediterranee.

    E se il grano è ammuffito, non è che la Barilla fa ammuffire pure i cereali che usa per la pasta celiaca?
    La firmataria dell’articolo, Dott.ssa Giuliana Icardi, è agguerrita e suggerisce anche la soluzione: banalmente, boicottiamola. Lei e tutte le aziende appartenenti allo stesso gruppo:

    Barilla è presente anche con i seguenti marchi: Motta, Essere, Gran Pavesi, le Tre Marie, le Spighe, Mulino Bianco, Pavesini, Voiello, Panem.

    Bene. Tutto molto interessante. Se non fosse che la notizia è una grande bufala.

    (altro…)

  • TRACCE DI GLUTINE #3 – GLI ALTRI

    Categorie: Internet, Social, Tracce di glutine

    4 commenti

    E niente, ho provato a domandare ai celiaci su facebook quali sono secondo loro gli svantaggi di non potersi pigliare il glutine.
    Ero curioso di capire se anche gli altri colleghi di malattia hanno avuto  – o hanno tuttora – le stesse mie conseguenze sulla vita sociale. Ne sono usciti vari momenti in cui ci si sente sul serio, inevitabilmente, celiaci. E forse si possono riassumere con la risposta di Noemi: il fastidio maggiore di essere celiaci è la mancanza di spensieratezza.
    O peggio, si possono riassumere, come dice Claudia, nello “stare a guardare gli altri che mangiano”.
    Chissà che, se un NonCeliaco passa di qua, non possa imparare qualcosa.

    Francesca: è noiosissimo stare sempre a spiegare a tutti cosa posso o non posso mangiare: già sei a tavola, tutti mangiano e tu, di quello che c’è, puoi mangiare il 10%… poi dover anche rispondere alle curiosità dei commensali con la bocca piena è proprio fastidioso

    Chiara: A me fanno impazzire quelli che, quando dico che sono celiaca, attaccano ‘Ah, ma mi chiedo come fai! Io non ci riuscirei mai, mi piacciono troppo il pane e la pasta!’ Come se fosse un scelta.

    Stefania: A me danno fastidio quelli che mi dicono “ma sì, adesso trovate un sacco di cose da mangiare dovunque”, e nel menù che stai leggendo puoi mangiare solo carne arrostita e insalata…

    Luca e Paola: Andare a incontri di lavoro, riunioni, convegni, ecc…, dove fanno un break a metà mattina o pomeriggio, e tutto quello che puoi prendere è un caffè quando va bene, se no giusto un bicchiere d’acqua, e allora tutti Sei a dieta…? non ti piace…?, ah, è vero tu non puoi mangiare, se avessimo saputo prima… ecc. ecc. Solita solfa, sempre, anche con le persone che conosci e che ti frequentano.

    (altro…)