L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI DICKE

  • AUTHOR: // CATEGORY: Blogosfera, Grazie A Dicke

    No Comments

    Quando dalla provincia di Caserta mi sono trasferito a vivere da solo a Milano ho dovuto fare i conti con un problema su cui avevo sempre sorvolato: io non so cucinare. Da allora ho dovuto pensare per la prima volta in modo serio a quello che più incide sulla mia vita da studente fuorisede, che è senza dubbio la celiachia.
    Sul web trovavo parecchi blog di ricette senza glutine o siti scientifici. Tutti utilissimi, chiaramente, ma avevo l’impressione che mancasse qualcosa. Ho pensato allora di infilarmi in mezzo a queste due categorie con un po’ di autoironia per aprire un piccolo spazio in cui parlare di quello che mi premeva di più: come ormai ho ripetuto fino alla nausea, la celiachia non comporta solo difficoltà alimentari quanto – e forse soprattutto – relazionali, dato che il cibo è il principale agente d’aggregazione sociale. Se si vive in una grande città, e se si lascia una madre premurosa in Campania, la questione non diventa poi così secondaria.


    Ero il primo a pensare che qualche pagina di raccontini semi-serii a tema celiachia non avrebbe interessato nessuno; eppure qualche commento sul blog, qualche messaggio di apprezzamento via mail o su facebook, e l’inizio della collaborazione con la rivista Celiachia Oggi mi ha fatto capire che forse a qualcuno fa piacere leggere la valanga di cagate che metto assieme descrivendo le mie disavventure o quelle che mi vengono raccontate.
    Sono passati quasi tre anni, e WordPress mi avverte che questo giochino si sta facendo grande, e che ho scritto precisamente 50 articoli sul blog. Cinquanta non sono niente, è chiaro. Ma sono anche tanti, e allora ho pensato ci volesse un cambiamento… niente di straordinario; un piccolo vezzo che mi sono voluto concedere. Nuova veste grafica, un nome più corto (che già la gente si scorda come si scrive Dicke*) e nuovi contenuti (quelli arriveranno presto, abbiate fiducia).
    E insomma: il blog grazieadicke.wordpress.com esisterà ancora per un po’, poi verrà cancellato. Da adesso in poi, chi volesse passare a trovarmi, venga pure su grazieadicke.it .
    Mi scuso se durante il trasloco fra lo spazio vecchio e il nuovo sia andato perso qualcosa: il sito è ancora in fase di assestamento.
    Grazie di cuore a chi mi ha seguito fin qui. E grazie a chi continuerà a venirmi dietro in questa piccola futile e stramba avventura.

    *Ho già raccontato su facebook di quando, appena entrato da GluFree a Milano, ebbi l’imbarazzo di scoprire che una cliente stava parlando con il proprietario proprio di noi, di questo blog. Solo che lo chiamarono Grazie A Dick… che da tradurre in italiano non è che sia una grande soddisfazione.
    Ma ammetto che la cosa mi rese comunque contento.